Archivi teatrali pugliesi

Dal 2009 Eido Lab ha messo le sue competenze, l'attenzione e la passione che ne contraddistinguono ogni attività al servizio del progetto Archivi Teatrali Pugliesi della Soprintendenza Archivistica per la Puglia di Bari. Presso la Soprintendenza il settore degli archivi teatrali è stato avviato nell'anno 2006, con la direzione tecnico-scientifica di Maria Pia Pontrelli. L'avvio del progetto ha consentito, tra l'altro, di promuovere e avviare la conoscenza del patrimonio iconografico e audiovisivo pugliese sia di quello conservato presso gli archivi degli enti teatrali, sia di quello conservato dagli enti che specificamente si occupano del settore degli audiovisivi, teatrali e non, e che erano o sono entrati in un rapporto di collaborazione con i proprietari e conservatori degli archivi teatrali. L'attività di tutela si è sostanziata, tra l'altro, nell'emissione delle dichiarazioni di interesse culturale per i seguenti Archivi della città di Bari: Piccolo Teatro "Eugenio D'Attoma", Puglia Teatro, Centro polivalente di cultura "Gruppo Abeliano", La DifferAnce (gestione Elvira Maizzani), Collezione Montrone. Sono stati inoltre dichiarati di interesse culturale l'Archivio del Teatro Koreja di Lecce e l'Archivio De Bellis di Acquaviva delle Fonti.

A che servono questi quattrini - 1954

Il Barbiere di Siviglia - 1976/77

La cimice - 1978



In accordo con i proprietari si mettono a disposizione della collettività i materiali digitalizzati nell'ambito del Progetto Archivi Teatrali Pugliesi della Soprintendenza Archivistica per la Puglia. Le immagini sono in bassa risoluzione, per esclusivo uso di studio e ricerca. Si fa divieto di qualsiasi altro utilizzo dei materiali. Gli originali e i file digitalizzati in alta risoluzione sono disponibili presso i rispettivi proprietari che ne possiedono integralmente i diritti di sfruttamento. 

 

cliccando sui tasti sottostanti potete visionare gli archivi di immagini