Preziosi compagni nelle giornate dei bambini. Prima oggetti "artigianali", riproduzione del mondo degli adulti, destinati ad accompagnare i giochi di generazioni successive. Poi, a partire dal secondo dopoguerra, sempre più oggetti di consumo, di produzione industriale, legati a mode e modelli culturali in rapida trasformazione.